Scuola, caos Istanze Online per domande supplenze ultime notizie: chiesta proroga al Miur

Il Ministero dell’Istruzione, attraverso un comunicato, ha reso noto i dati ufficiali relativi ai ‘modelli B’ per le domande riguardanti le supplenze d’istituto e inviati a Istanze Online: sino alle ore 18 di ieri, le domande sono state 200.000, oltre il 30 per cento rispetto alle 655.056 domande stimate.

Di fronte alle numerosissime lamentele dei docenti per l’impossibilità di provvedere all’invio della domanda per il malfunzionamento della piattaforma informatica, il Miur ha sottolineato come nei primi giorni ci sia stato un afflusso molto alto di utenti sul sistema di caricamento delle domande, con picchi di oltre 150 tentativi di inserimento al minuto.

Scuola, domande modello B supplenze di istituto: Miur ‘Chiesta al fornitore modifica al sistema’

Rispetto ad una media di 300.000 domande dei precedenti aggiornamenti delle graduatorie di istituto, quest’anno le domande sono oltre 650.000 – si legge nel comunicato ministeriale – Un’affluenza che ha provocato effettivamente rallentamenti per l’accesso al sistema. Quest’anno i tempi di compilazione del modello sono poi più ristretti rispetto al passato e anche questo ha portato ad una maggiore concentrazione di utenti sul portale dedicato. Anche per questo è stata richiesta al fornitore una modifica al sistema di inserimento che ha consentito un miglioramento delle operazioni. Nella sola giornata del 18 luglio, infatti, sono state inserite e inviate correttamente oltre 50.000 domande. La fascia oraria fra le 10 e le 13 risulta essere quella di maggiore concentrazione.’

Caos Istanze Online, Gilda chiede proroga al 31 luglio e possibilità di inviare modello B in forma cartacea

A proposito degli enormi disagi che stanno incontrando i docenti, registriamo la dura presa di posizione della Gilda degli Insegnanti.  ‘È inaudito che il sistema informatico del Miur vada in tilt a pochi giorni dalla scadenza dei termini per le assegnazioni provvisorie e l’aggiornamento delle graduatorie di istituto – ha dichiarato Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale – La piattaforma Istanze OnLine risulta bloccata, centinaia di migliaia di utenti stanno tentando disperatamente di accedere senza riuscirci e le nostre sedi provinciali sono prese d’assalto. È una situazione intollerabile, indegna di un Paese civile. Il ministero aveva previsto circa 300mila domande come lo scorso anno e invece ne sono arrivate oltre 700mila. Ad aggravare ulteriormente la situazione, la brevità dei tempi: 10 giorni contro i 45 dell’anno precedente. In realtà, non si tratta soltanto di un sovraccarico del sistema, perché arrivano numerosissime testimonianze di veri e propri errori del sistema. Chiediamo dunque al Miur che vengano prorogati i termini al 31 luglio e che sia data la possibilità di presentare il modello B in forma cartacea. È inutile e soprattutto dannoso ostinarsi a voler essere un’Amministrazione ‘agile’, smart , se poi non si è in grado di fronteggiare una simile situazione. Non è la prima volta – ha concluso l’esponente della Gilda – che la piattaforma Istanze OnLine finisce in panne: a questo punto, è più che lecito dubitare delle competenze e della professionalità dell’ente al quale il Miur ha appaltato la gestione del sistema informatico’.

Fonte: Scuola Informa