Scuola, al via un piano per i bambini plusdotati: “Così diventeranno un’opportunità”

Firmato a Bari un protocollo d’intesa che fornirà alle scuole, ai docenti e alle famiglie le competenze per riconoscere i bambini plusdotati e avviare assieme una serie di percorsi personalizzati.

Nina ha dieci anni, vive a Roma, frequenta la prima media, conosce molto bene l’inglese e ha un quoziente intellettivo di 145 (Albert Einstein aveva 160). Non stupitevi se vi racconta che a tre anni sapeva leggere, che a quattro aveva letto quasi tutti i libri di Geronimo Stilton e che vocabolari ed enciclopedie sono i suoi compagni nel tempo libero. Quella di Nina è una vita dura perché a scuola non riceve alcun tipo di aiuto e per i compagni è “una asociale”.

Fonte: BariRepubblica.it