Oltre 500 Istituti scolastici a Roma per l’iniziativa “Nessun Parli…: musica ed arte oltre la parola

C’è tempo fino al 17 novembre prossimo, per iscriversi a “Nessun Parli…: musica ed arte oltre la parola”, l’iniziativa promossa dal MIUR, in collaborazione con il Cnapm (Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica), per valorizzare la musica e le altre arti, anche nella loro declinazione digitale, come elementi centrali della pratica educativa nei nostri Istituti scolastici.

Il 21 novembre, a partire dalle ore 15:00 e fino alle 21:30, presso la sede del Ministero a Roma, in viale Trastevere, sarà organizzata una giornata di riflessione e di festa, con la partecipazione di gruppi musicali, orchestrali e corali delle scuole italiane, ma anche di numerosi e prestigiosi musicisti. Testimonial della giornata saranno Ennio Morricone, Mogol, Mario Brunello, Paolo Fresu, Giovanni Sollima, Danilo Rea, Peppe Servillo, Paolo Damiani, che ne è anche il direttore artistico. Sostiene l’iniziativa Paola Cortellesi. Saranno presenti in viale Trastevere la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli e il Presidente del Cnapm, Luigi Berlinguer.

Con la legge 107 del 2015 (Buona Scuola) e con i suoi decreti attuativi (in particolare il decreto legislativo del 13 aprile 2017 n.60), la musica e l’arte entrano a pieno titolo negli ordinamenti scolastici e in tutte le scuole, da quelle per l’infanzia sino alle superiori. La musica, in particolare, viene ufficialmente richiamata come componente del fabbisogno educativo di base di ogni studentessa e di ogni studente.

Hanno già oggi risposto all’appello oltre cinquecento istituti scolastici di tutte le regioni italiane e di tutti gli ordinamenti: scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie anche ad indirizzo musicale, Conservatori di musica, Licei e istituti tecnici e professionali.

Le scuole potranno partecipare alla giornata del 21 novembre, organizzando nelle classi e negli istituti, eventi artistici e musicali immaginati dalle ragazze e dai ragazzi, ospitando performance multidisciplinari, video e installazioni artistiche, improvvisazioni musicali. Ci saranno poi mostre, letture poetiche e letterarie, attività di scrittura creativa, di produzione cinematografica e teatrale, interviste sul tema. Per le attività potranno essere coinvolti soggetti interni ed esterni alla scuola. Sarà ovviamente possibile e auspicabile la partecipazione attiva di musicisti e artisti che interagiranno con alunne e alunni tramite loro interpretazioni e “coinvolgimenti sonori”.

Gli Istituti scolastici che volessero  aderire alla Giornata, possono ancora farlo iscrivendosi sull’apposita piattaforma del MIUR, sul sito http://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/nella sezione attivata per l’iniziativa.

Le scuole potranno partecipare anche ad un concorso che prevede l’elaborazione di un videoclip rappresentativo dell’evento o delle attività realizzate. I video prodotti dalle scuole saranno caricati sulla piattaforma on line http://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/, nella sezione appositamente attivata per l’iniziativa. Una commissione di esperti e artisti valuterà i lavori più originali.

Fonte: MIUR