Concorso a cattedra, molti docenti bocciati perché non sanno usare computer

Il concorso a cattedra 2016 continua a far discutere per le numerose bocciature che lo hanno caratterizzato e che hanno riguardato, senza distinzione alcuna, tutti gli ordini e gradi di istruzione e tutte le ragioni.

Abbiamo dedicato diversi nostri articoli al suddetto tema chiedendoci se le predette bocciature fossero da attribire all’impreparazione dei candidati, come sostenuto anche da fonti istuizionali e non, o alle difficoltà insite nelle prove.

Alle possibili motivazioni suddette ne aggiungiamo un’altra, avanzata dai componenti le commissioni del concorso svoltosi in Puglia, secondo i quali molti candidati di scuola dell’infanzia e primaria hanno avuto difficoltà ad usare il PC, come apprendiamo da repubblica.it, per cui sarebbe questa la causa delle numerose bocciature.

Anche in Puglia, dunque, si registra un elevato numero di bocciature tali da non coprire, in alcuni casi, i posti banditi.  Ad esempio, per  le cattedre di lettere alla  scuola secondaria di I e II i posti banditi sono 487, mentre i candidati ammessi all’orale soltanto 229.

Fonte: Orizzonte Scuola